Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
  • Pagina:
  • 1
  • 2
  • 3

ARGOMENTO: la stampa che va via ai lavaggi....

Re: la stampa che va via ai lavaggi.... 8 Anni 5 Mesi fa #11

  • gws
  • Avatar di gws
  • Offline
  • Nuovo
  • Messaggi: 20
grazie 1000 ragazzi,
x ora ho fatto 2 prove con una con il modatex e ascugato con stufetta... (dopo pochi sec si crea del "fumo" penso che sia vapore acqueo e ammoniaca)
la seconda prova con stampa colore modatex asciugato con pistola termica (l'ho scaldato fin quando non ho + visto il classico effetto bagnato) e poi 15 sec con la termopressa a 160° (di + ogni tanto brucia le maglie)

ora aspetto 4 giorni e poi provo il lavaggio e vi tengo aggiornati!

Re: la stampa che va via ai lavaggi.... 8 Anni 4 Mesi fa #12

  • gws
  • Avatar di gws
  • Offline
  • Nuovo
  • Messaggi: 20
lavato e asciugato....

allora, la prima maglia asciugata con la stufetta e la pistola termica al lavaggio ha perso colore in modo un po anomalo.... sono rimaste delle zone "tipo gocce" dove il colore non è andato via... in altre è sbiadito parecchio

nel secondo caso la maglia è stata asciugata alla veloce con la pistola termica e poi pressata 15sec a 160° con la termopressa e ha tenuto benissimo!

Re: la stampa che va via ai lavaggi.... 8 Anni 4 Mesi fa #13

  • mary78
  • Avatar di mary78
  • Offline
  • Nuovo
  • Messaggi: 16
Benissimo!!!
La pressa ti permette di eliminare in modo più uniforme tutta l'umidità e quindi l'acqua dell'inchiostro permettendo allo stesso di "aggrapparsi" al tessuto......ben fatto!

Re: la stampa che va via ai lavaggi.... 8 Anni 4 Mesi fa #14

  • SeriD.I.Y.
  • Avatar di SeriD.I.Y.
  • Offline
  • Nuovo
  • Messaggi: 17
buonasera,
spero di aver azzeccato la sezione giusta per scrivere. (mi sono appena iscritto al forum)
anche io ho dei problemi con i quasar.
ho comprato diversi colori tutti a base acquosa e ho riscontrato anche io che dopo il lavaggio (max a 40°)
il colore non va via bensì si spacca come se la maglietta venisse allargata al massimo.
è un problema di asciugatura???
ma non è anche questa la differenza tra i plastisol e i quasar???
e cioè che i quasar diluiti nella giusta percentuale con quella boccetta bianca, che viene data in dotazione insieme ai colori,
dovrebbero asciugarsi all'aria?
fortunatamente non va via il colore (come ho letto in questa sezione) ma sembra come aggrenzito, spaccato come se un omone si fosse messo una maglietta taglia XXS e l'avesse slabbrata.
aiutatemi per favore perchè a sto punto mi sta dando veramente dei problemi sta cosa.
con i colori elastici andrebbe meglio?
è un problema di asciugatura?
anche i colori ad acqua necessitano del termosoffiatore?
ho allegato due foto spero si capisca un minimo...
grazie in anticipo
Allegati:

Re: la stampa che va via ai lavaggi.... 8 Anni 4 Mesi fa #15

  • SeriD.I.Y.
  • Avatar di SeriD.I.Y.
  • Offline
  • Nuovo
  • Messaggi: 17
ah....se può aiutarvi nell'aiutarmi
dopo la stampa passo col phon fino a far asciugare la stessa sommariamente
poi lascio per 3/4 giorni all'aria e poi le stiro al contrario con una pezza sopra (è un errore?)
non asciuga ulteriormente la stampa e la fissa bene alle trame della maglietta?

Re: la stampa che va via ai lavaggi.... 8 Anni 4 Mesi fa #16

  • angelobarzaghi
  • Avatar di angelobarzaghi
  • Offline
  • Esperto
  • Messaggi: 209
ciao, benvenuto in questo forum.
Il problema che riscontri in una stampa come quella che hai allegato in foto non è legato all'asciugatura e il catalizzatore (boccetta bianca) che ti hanno fornito unitamente all'inchiostro è semplicemente un catalizzatore a freddo, un agente cioè che permette la completa polimerizzazione dell'inchiostro dandogli così la giusta resistenza ai lavaggi.
Il fatto che la stampa si screpoli dopo un certo periodo, seppur breve, dipende solo dal fatto che l'inchiostro bianco ha un carico di pigmenti molto elevato e quindi una conseguente perdita di elasticità, tutto qui.
E' vero che il plastisol risulta generalmente più elastico rispetto a quelli all'acqua, ma in molti casi un bianco plastisol ad alta concentrazione di pigmenti crea lo stesso identico difetto: trovare un buon bianco anche tra i plastisol è un'impresa non facile.
La soluzione sta nell'aggiungere un po' meno catalizzatore e diluire con poca acqua o, meglio ancora, con una base trasparente da taglio (esistono le basi coprenti neutre che riescono comunque a mantenere abbastanza alta l'opacità dell'inchiostro nonostante la diluizione) che, essendo priva di pigmenti, riesce a ridurre leggermente la concentrazione a tutto vantaggio della componente di base che rimane così più elastica e permette alla stampa di legare meglio al supporto: dopo molti lavaggi potrà in ogni caso spaccarsi, ma questo avverrà con tempi molto più lunghi.
La stiratura sul capo al contrario non è necessaria ed è in ogni caso ininfluente sul risultato.
Tieni presente che la differenza tra i prodotti all'acqua e i plastisol sta nella loro natura: quelli all'acqua devono avere per forza di cose un carico di pigmento elevato per compensare la perdita della loro componente predominate (l'acqua appunto) per poter restituire una certa coprenza. In fase di asciugatura la parte di acqua che evapora fa si che di tutto il prodotto depositato da bagnato rimanga una percentuale inferiore una volta asciugato e tende a penetrare nelle fibre: ecco spiegato perchè i carichi di pigmento nei colori all'acqua sono maggiori rispetto a quelli del plastisol.
Il plastisol non ha componenti volatili quindi tutto quello che viene depositato lo ritrovi anche da asciutto dando così una maggiore apparenza di opacità con un deposito di inchiostro minore ed un carico minore di pigmento.
La cosa importante per una corretta asciugatura degli ink all'acqua è che vengano colpiti il più possibile immediatamente dopo la stampa da una fonte di aria molto calda: in questo modo potranno accelerare la polimerizzazione e mantenere comunque una buona coprenza anche con una concentrazione di pigmenti non esagerata.
Angelo Barzaghi
Www.angelobarzaghi.it
angelo561
Mob 3466617112

Re: la stampa che va via ai lavaggi.... 8 Anni 4 Mesi fa #17

  • drmitch74
  • Avatar di drmitch74
  • Offline
  • Professionista
  • Messaggi: 955
io su certe magliette adoro effetto dello spaccamento del colore bianco.... e diversi amici volevano la maglia cosi.. hehehehehe

il fattore dopo stampa phon lo faccio anche io.. ma non per far si che asciuga prima.. ma per il fattore sfortuna... hghgh nel senso che ogni volta che facevo una maglia bianca disegno nero... gli toccavo sempre dentro heheheh

comunque il tuo passaggo è giusto.....
vivi e lascia vivere..... la libertà e un bene che non si deve prendere... lo hai fin dalla nascita...

Re: la stampa che va via ai lavaggi.... 8 Anni 4 Mesi fa #18

  • SeriD.I.Y.
  • Avatar di SeriD.I.Y.
  • Offline
  • Nuovo
  • Messaggi: 17
quindi in sintesi è un problema a tutti gli effetti, che se ho capito bene è da risolvere, o meglio da provare a risolvere,
nei seguenti modi:
- appena stampata la maglia, fornire alla stampa una immediata fonte di calore
- diluire con meno catalizzatore e più acqua (distillata?) l'inchiostro
- abbandonare i quasar per i plastisol...che potrebbero aver lo stesso problema ma di minor rilevanza

ma è un problema che colpisce anche voi?
o sono io il fortunato prescelto?

:D

Re: la stampa che va via ai lavaggi.... 8 Anni 4 Mesi fa #19

  • angelobarzaghi
  • Avatar di angelobarzaghi
  • Offline
  • Esperto
  • Messaggi: 209
no, attenzione, nessuno ha parlato di abbandonare i quasar: ho solo evidenziato le differenze nel comportamento dei 2 tipi di colore per chiarire il tuo dubbio.
Non serve acqua distillata per diluire un ink all'acqua: ti consiglio però di acquistare 1 kg di base trasparente per tagliare leggermente i colori con un carico di pigmento elevato: fai dei test e quando trovi il giusto compromesso tra coprenza ed elasticità tienilo come punto di riferimento.
Parti aggiungendo un 10-15% di base trasparente.
Angelo Barzaghi
Www.angelobarzaghi.it
angelo561
Mob 3466617112

Re: la stampa che va via ai lavaggi.... 8 Anni 3 Mesi fa #20

  • SeriD.I.Y.
  • Avatar di SeriD.I.Y.
  • Offline
  • Nuovo
  • Messaggi: 17
quindi per ogni baratto dovrei prendere anche il barattolo di trasparente....mmm la cosa non è proprio conveniente
oltre al fatto che mi hanno parlato dei plastolak che sono a base solvente, non hanno bisogno di forni termosoffiatori etc
asciugano all'aria ed hanno un'alta resistenza ai lavaggi...
inoltre ho visto al 2 lavaggio la stampa bianca ed è a dir poco orribile il risultato.
non so proprio che fare
  • Pagina:
  • 1
  • 2
  • 3
Moderatori: marty, enrico
Tempo creazione pagina: 0.095 secondi
Powered by Forum Kunena