Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: Cosa sono gli inchiostri UV?

Cosa sono gli inchiostri UV? 5 Anni 1 Mese fa #1

  • paola74
  • Avatar di paola74
  • Offline
  • Nuovo
  • Messaggi: 55
Ciao a tutti,
ho sentito parlare di inchiostri UV per serigrafia, ma come funzionano?

Qualcuno può aiutarmi?


grazie mille,
paola

Re: Cosa sono gli inchiostri UV? 5 Anni 1 Mese fa #2

  • angelobarzaghi
  • Avatar di angelobarzaghi
  • Offline
  • Esperto
  • Messaggi: 209
Ciao Paola, anche questa domanda apre un mondo....
Cosa vuoi sapere degli inchiostri UV?
Posso iniziare col dirti che sono inchiostri specifici per la stampa su carta (e derivati) e su materie plastiche, e che hanno caratteristiche molto particolari; sono stati studiati e introdotti per la cartotecnica e serigrafia in genere di alto livello, quella che puoi vedere, per fare un esempio su tutti, su etichette da vino o carte di credito, alcune anche con immagini olografiche e di particolare difficoltà tecnica.
L'inserimento nel settore serigrafico (ma non solo, è molto presente anche nella stampa offset e in larghissima parte in quella digitale) è dovuta al fatto che consente di poter raggiungere dettagli grafici di altissimo livello grazie soprattutto alla sua altissima stabilità sul telaio: non contenendo acqua o solventi non si asciuga infatti a contatto con l'aria, ma solamente mediante passaggio sotto speciali lampde UV (ultravioletto).
La sua trasparenza consente questa procedura di asciugatura e fa anche si che questi inchiostri siano particolarmente adatti per la stampa in quadricromia o in mezzitono e, appunto, per stampe di tipo olografico.
L'utilizzo di questi inchiostri può avvenire solo con attrezzature dedicate i cui costi sono piuttosto elevati. Non ci si può improvvisare stampatori UV, ma occcorre conoscere il prodotto in modo approfondito e raggiungere una forte competenza tecnica per poter affrontare appieno tutte le potenzialità di questo prodotto.
Non è indicato per la stampa su tessuti.
Angelo Barzaghi
Www.angelobarzaghi.it
angelo561
Mob 3466617112

Re: Cosa sono gli inchiostri UV? 1 Anno 10 Mesi fa #3

  • Ufftec
  • Avatar di Ufftec
  • Offline
  • Nuovo
  • Messaggi: 4
Buongiorno

Stiamo pensando all'acquisto di un impianto serigrafico per inrernalizzare alcune lavorazioni.
Un'azienda ci ha consiglioato di valutare anche l'utilizzo di inchiostri uv.
Noi stamperemo su pelle, finta pelle e tessuti
Volevo sapere se qualcuno avesse asperienza di stampa su questi materiali.

Grazie.

Re: Cosa sono gli inchiostri UV? 1 Anno 10 Mesi fa #4

  • angelobarzaghi
  • Avatar di angelobarzaghi
  • Offline
  • Esperto
  • Messaggi: 209
Gentile Ufftec,
ho letto la sua domanda
"Stiamo pensando all'acquisto di un impianto serigrafico per inrernalizzare alcune lavorazioni. Un'azienda ci ha consiglioato di valutare anche l'utilizzo di inchiostri uv. Noi stamperemo su pelle, finta pelle e tessuti. Volevo sapere se qualcuno avesse asperienza di stampa su questi materiali."

Premesso che: gli UV sono inchiostri molto tecnici e hanno bisogno di competenze piuttosto alte.
Parlate di pelle, finta pelle e tessuti (quali tipi di tessuti?).
Premesso che pelle e finta pelle si lavorano prevalentemente con inchiostri a base solvente (non sto parlando di agendine o borse in similpelle, ma di prodotti industriali) o, in alcuni casi, con inchiostri a base acqua sempre che le pelli siano semplicemente conciate e non trattate e sempre con controlli molto accurati e test di tenuta resistenza agli sfregamenti, lavaggi etc.; gli inchiostri UV hanno alcuni tipi di applicazioni, prevalentemente nel settore digitale, con particolari e costosi accorgimenti e procedure.
Per quanto riguarda i tessuti, se parliamo di cotone, poliestere, nylon o altre fibre sintetiche gli inchiostri UV sono assolutamente inadeguati oltre che non specifici.
Il principale impiego di inchiostri uv si ha sulla carta e derivati, materie plastiche come politene, pvc, polipropilene o su vetro e metallo con prodotti bicomponente.
Necessitano di strumenti per la polimerizzazione piuttosto costosi (forni UV appunto) e telai serigrafici di alta qualità con specifiche precise a partire dalle fotoemulsioni, dal tessuto e dalla sua trama (fili/cm).
Non fidatevi di chi vedete stampare nelle fiere su agendine o shopper di carta con sistemi analoghi alla serigrafia usando inchiostri UV solo perchè, dicono, puzzano meno di quelli a solvente (provate a sentire la maggior parte degli inchiostri UV quanto "profumano"): si limitano a stampare 2-3 pezzi al massimo proprio perchè oltre risulterebbe piuttosto complicato mantenere la stabilità di questi inchiostri e soprattutto la definizione di stampa.
Ecco: per consigliarvi o comunque darvi una risposta degna di considerazione e a voi davvero utile, sarebbe opportuno sapere appunto che tipo di produzione intendereste affrontare, quale tipo di macchinari avete a disposizione o intendete acquistare(o vi è stato consigliato acquistare), che tipo di esigenze possono avere i vostri clienti anche in termini di compatibilità con il mercato a cui vi rivolgete (normative, ecosostenibilità etc.) e per quale ragione evidente intendiate utilizzare un prodotto così specifico, ma soprattutto per quale ragione vi sia stato consigliato (non vi chiedo da chi per correttezza): problemi di tenuta, di asciugatura, attrezzature non idonee per utilizzare altri tipi di inchiostro (magari avete forni specifici per UV e non potete dunque utilizzarli per inchiostri a solvente o abase acqua).
Spero di esservi stato di aiuto e, nel caso, mi rendo disponibile a fornirvi altri elementi qualora voleste fornire indicazioni più specifiche.
Buona serata
Angelo Barzaghi, Accademia Serigrafica.
Angelo Barzaghi
Www.angelobarzaghi.it
angelo561
Mob 3466617112

Re: Cosa sono gli inchiostri UV? 1 Anno 10 Mesi fa #5

  • Ufftec
  • Avatar di Ufftec
  • Offline
  • Nuovo
  • Messaggi: 4
Buongiorno
La ringrazio per la risposta.

Abbiamo abbandonato l'idea di usare inchiostri UV infatti, dopo i primi test su pelli molto rifinite che hanno dato ottimi risultati, abbiamo testato più materiali e la tenuta sulla maggior parte di questi è risultata pessima.

Per quanto riguarda la nostra applicazione noi lavoriamo per il settore moda e dovremmo stampare su materiali di vario tipo che ci vengono dati in conto lavoro.
Pensavamo ad una giostra a 2 colori, le aziende che abbiamo contattato per un preventivo hanno inserito dalle 2 alle 3 stazioni con forno ventilato dopo ogni serigrafia per l'asciugatura del solvente.
La produzione di cui necessitiamo è di circa 400-500 Pz ora.
Volevo sapere all'incirca se queste produttività sono realistiche tenendo presente che non possiamo riscaldare la pelle oltre i 60-65 gradi.

Grazie e Saluti.

Re: Cosa sono gli inchiostri UV? 1 Anno 9 Mesi fa #6

  • angelobarzaghi
  • Avatar di angelobarzaghi
  • Offline
  • Esperto
  • Messaggi: 209
Per quanto riguarda la personalizzazione della pelle, quello che le posso dire che per darle una risposta precisa dovrei avere delle informazioni in più: sapere che tipo di pelle usate o pensate di usare,quali trattamenti subisce la pelle e di che tipologia, inoltre è fondamentale la pezzatura che si deve andare a personalizzare ed è questa in particolare che determina la scelta di una tipologia di attrezzatura rispetto ad un' altra.
Sulla proposta relativa alla giostra a 2 colori non capisco proprio chi gliela possa avere fatta e con quale ragione, ma, ripeto, non so esattamente cosa dovrete fare in termini di prodotto specifico e dimensione supporto.
Una giostra a 2 colori ha poco senso secondo me, a meno che non intendiate una macchina a 8 stazioni con solo due teste montate (ma la domanda è: che senso avrebbe?) e poi due colori perchè stampate al massimo 2 colori?
Mi permetto di chiedervi, a questo punto, chi vi ha dato questo tipo di input e come può parlare di produzioni da 4-500 pezzi ora con un materiale (a meno che non sia trattato in modo molto particolare) così difficile da gestire: se è pelle e non ecopelle sappiamo bene che ha spessori e "mano" che cambiano in continuazione, pertanto la stesura perfetta diventa operazione che necessita di tempi non proprio velocissimi e per arrivare a 4-500 pezzi ora (ma questi poi ci arrivano cn le t-shirt bianche?) bisogna fare una scelta e direi che non è propriamente quella della qualità.
Chiedo scusa per la mia franchezza, ma avendo a che fare con alcune concerie e con qualche azienda che mi ha permesso di capire i meccanismi principali della lavorazione di questo prodotto così particolare, pur non avendo una competenza da addetto ai lavori in quanto mi sono limitato a seguire e cercare di capire i vari cicli produttivi fino a valutare alcune tipologie di lavorazione anche su pelli intere, credo che prima di acquistare un macchinario qualsiasi per lavorare questo prodotto così unico sarebbe il caso di fare qualche esame approfondito e indagare sul reale utilizzo che ne dovrete fare.
Buon lavoro
AB
Angelo Barzaghi
Www.angelobarzaghi.it
angelo561
Mob 3466617112

Re: Cosa sono gli inchiostri UV? 1 Anno 9 Mesi fa #7

  • Ufftec
  • Avatar di Ufftec
  • Offline
  • Nuovo
  • Messaggi: 4
Buongiorno

I 2 colori li abbiamo richiesti noi visto che è quello che serve ai nostri clienti, andare a prendere una macchina più grande e con più colori vuol dire, oltre ai costi maggiori, avere una macchina con più stazioni e dover usare più sagome per la centratura dei pezzi.

La pelle che andremo a stampare, ha spessori intorno al millimetro e può variare di un paiobdi decimi.
La dimensione delle plancette è di qualche decimetro quadrato.

Il tempo di piazzamento non mi preoccupa, lavorando in sagoma e con piano aspirato l'operazione è piuttosto veloce, quello che mi preoccupa è il tempo che impiega il solvente ad evaporare prima di poter impilare i pezzi stampati.

Grazie.
Moderatori: marty
Tempo creazione pagina: 0.107 secondi
Powered by Forum Kunena